Passare al contenuto principale

Pubblicato il 22 novembre 2023

Blog

  • Architettura decentralizzata.

    14 giugno 2024

    Id-e: ulteriori chiarimenti sull’attuazione tecnica

    Il 14 giugno 2024 il DFGP ha informato il Consiglio federale in merito ai risultati della consultazione informale sull’attuazione tecnica del nuovo mezzo di identificazione elettronico (Id-e) della Confederazione. Dai pareri pervenuti è evidente che l’Id-e deve sia garantire un’elevata protezione della sfera privata, sia poter essere utilizzato a livello internazionale. Per soddisfare entrambi i requisiti, l’infrastruttura di fiducia necessaria per l’Id-e deve supportare contemporaneamente diverse tecnologie. A tal fine sono necessari ulteriori chiarimenti. Il DFGP dovrebbe presentare una proposta concreta al Consiglio federale entro la fine dell'anno.Comunicato stampaConsultazione sulla scelta della tecnologia concernente l’infrastruttura di fiducia e l’Id-e: Sintesi dei pareri

  • Palazzo federale, popolazione, industrie e imprese come utenti dell'infrastruttura di fiducia.

    29 maggio 2024

    Nota di benvenuto del Consigliere federale Beat Jans in occasione della Cena ParlDigi

    Discorso solo in tedesco

  • E-ID wallet mobile phone

    8 maggio 2024

    Verifica del progetto relativo alla prova elettronica dell’identità (Id-e)

    Nel marzo del 2023, la Cancelleria federale ha qualificato il programma come progetto chiave TDT. Per questo motivo, il Controllo federale delle finanze (CDF) ha sottoposto per la prima volta a verifica il progetto volto a introdurre una prova elettronica dell’identità riconosciuta dallo Stato (programma Id-e).

  • 3 maggio 2024

    Progetto pilota per l’Id-e: licenza digitale per allievo conducente nel Cantone di Appenzello Esterno

    Adesso il Cantone di Appenzello Esterno emette la licenza per allievo conducente anche in formato digitale. L’Ufficio federale di Giustizia (UFG) e l’Ufficio federale delle strade (USTRA), assieme all’Associazione dei servizi della circolazione (asa) e al servizio della circolazione del Cantone di Appenzello Esterno, avviano il progetto pilota in vista dell’introduzione del mezzo d’identificazione elettronico riconosciuto dallo Stato (Id-e). Il 3 maggio 2024 la nuova licenza digitale è stata presentata durante una conferenza stampa congiunta a Herisau (AR).Comunicato stampa, 3 maggio 2024

  • 24 aprile 2024

    La Commissione Affari Legali del Consiglio degli Stati è entrata in materia

    Comunicato stampa, 24 aprile 2024La CAG-S esamina la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) (parlament.ch)

  • 19 marzo 2024

    Audizioni sulla Legge sull’Id-e presso la Commissione Affari Legali del Consiglio Nazionale

    Il 19 gennaio 2024, la Commissione ha tenuto delle audizioni sulla Legge federale sul mezzo d’identificazione elettronico e altri mezzi di autenticazione elettronici.

  • Palazzo federale, popolazione, industrie e imprese come utenti dell'infrastruttura di fiducia.

    14 marzo 2024

    Il Consiglio degli Stati adotta il progetto

    175 voti a favore dell'adozione del progetto, 14 contrari, 1 astensione

  • 23 febbraio 2024

    La Legge sull'e-ID nella Commissione Affari Legali del Consiglio Nazionale

    La Commissione giuridica del Consiglio nazionale ha preso in esame la Legge federale sulla prova elettronica dell'identità e altre prove elettroniche e ha completato le sue deliberazioni dettagliate durante la riunione del 23 febbraio 2024. Secondo il calendario delle sessioni, la Legge e-ID potrà essere discussa dal Consiglio Nazionale nella sessione di primavera (probabilmente il 14 marzo 2024).

  • 17 gennaio 2024

    Nota di benvenuto sulle infrastrutture digitali da parte del Consigliere federale Beat Jans

    Il Consigliere federale Beat Jans, capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), ha aperto il Digital Wallets Panel insieme al direttore generale di Digitalswitzerland Stefan Metzger mercoledì 17 gennaio 2024 presso il Digitalswitzerland-Village di Davos con una nota di benvenuto (disponibile solo in versione inglese).

  • ID-E Davos

    12 gennaio 2024

    Incontro annuale del WEF 2024: programma dei membri del Consiglio federale

    Il consigliere federale Beat Jans, capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), aprirà il panel sui portafogli digitali al Digitalswitzerland Village di Davos mercoledì 17 gennaio 2024, insieme al CEO di Digitalswitzerland Stefan Metzger.

  • E-ID mobile Palazzo federale

    11 gennaio 2024

    Al via in due Cantoni pilota il nuovo sistema di accesso ai servizi delle autorità svizzere

    È operativo da oggi il servizio di autenticazione delle autorità svizzere (AGOV), il sistema standardizzato di accesso che semplifica la comunicazione elettronica con le autorità federali, cantonali e comunali. Nei due Cantoni pilota Appenzello Esterno e Zurigo è ora possibile utilizzare il login AGOV ad esempio per accedere in maniera semplice e veloce alla dichiarazione d’imposta online. Anche il futuro mezzo di identificazione elettronico (Id-e) sarà collegato ad AGOV, che rientra nell’agenda Amministrazione digitale Svizzera (ADS).

  • 1 dicembre 2023

    Consultazione sulla scelta della tecnologia

    Il 22 novembre 2023, il Consiglio federale ha adottato il disegno e il messaggio concernenti la nuova legge federale sul mezzo di identificazione elettronico e altri mezzi di autenticazione elettronici (legge sull'Id-e, LIdE) all’attenzione del Parlamento.

  • E-ID wallet mobile phone

    22 novembre 2023

    Id-e: il Consiglio federale adotta il messaggio

    Il nuovo mezzo di identificazione elettronico (Id-e) della Confederazione consentirà agli utenti di identificarsi nel mondo virtuale in modo semplice, sicuro e veloce. Nella seduta del 22 novembre 2023, il Consiglio federale ha adottato il messaggio concernente la nuova legge federale sul mezzo d’identificazione elettronico e altri mezzi di autenticazione elettronici (legge sull'Id-e, LIdE). L'Id-e sarà emesso dalla Confederazione, garantirà la massima protezione possibile dei dati e inoltre sarà gratuito e facoltativo. Il Consiglio federale propone che l'infrastruttura necessaria per la gestione degli Id-e possa essere utilizzata anche dalle autorità cantonali e comunali nonché dai privati per emettere altri mezzi di autenticazione elettronici.

  • E-ID mobile Palazzo federale

    27 giugno 2023

    Wie die E-ID die Sozialversicherungen transformieren kann

    (Questo documento non è disponibile in italiano. Vogliate consultare la versione francese o tedesca.)

  • Sandbox, ID-e nel cellulare e popolazione.

    30 marzo 2023

    Introduzione della Public Sandbox Trust Infrastructure

    Una Sandbox è un ambiente tecnico protetto in cui effettuare test. La Public Sandbox Trust Infrastructure, gestita dalla Confederazione e basata su Hyperledger Indy, consente alle autorità e ai privati di acquisire esperienze sulla prevista infrastruttura di fiducia. Concretamente, all’interno della Sandbox è possibile emettere e verificare mezzi di autenticazione elettronici. Presumibilmente, sarà possibile utilizzare gratuitamente la Public Sandbox Trust Infrastructure per un anno. Il numero di partecipanti è limitato a 40.

  • Megafono

    2 dicembre 2022

    Prima analisi della consultazione per la nuova legge sull’Id e

    Nella seduta del 2 dicembre 2022, il Consiglio federale ha preso atto di una prima analisi dei pareri pervenuti nell’ambito della consultazione concernente la nuova legge sull’Id e. I riscontri sono stati perlopiù positivi. Ora, nell’elaborare il disegno, il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) analizzerà in modo approfondito le proposte formulate in sede di consultazione. L’obiettivo è presentare al Consiglio federale il disegno della nuova legge sull’Id e entro l’estate del 2023.

  • Megafono

    29 giugno 2022

    Id-e: il Consiglio federale avvia la consultazione

    Il nuovo mezzo di identificazione elettronico (Id-e) intende permettere ai titolari di identificarsi nel mondo virtuale in modo semplice, sicuro e veloce. Nella seduta del 29 giugno 2022, il Consiglio federale ha avviato la consultazione, che si concluderà il 20 ottobre 2022, sul pertinente avamprogetto. In base alla normativa proposta, l’Id-e sarà emesso dalla Confederazione e garantirà la massima protezione possibile dei dati personali.

  • Megafono

    17 dicembre 2021

    Il Consiglio federale adotta una decisione di principio in merito all’identità elettronica

    Nella seduta del 17 dicembre 2021 il Consiglio federale ha stabilito gli elementi fondamentali per una futura prova statale dell’identità (Ie). L’Ie statale mira a garantire agli utenti il massimo controllo possibile sui loro dati. Potrebbe essere messa a disposizione di servizi pubblici e privati come prova dell’identità per diverse applicazioni. L’avvio della consultazione relativa alla nuova legge sull’Ie è previsto per metà 2022.

  • Megafono

    15 ottobre 2021

    Ampia discussione su un’identità elettronica statale

    La discussione pubblica sulla forma di una futura identità elettronica statale (Ie), avviata a inizio settembre, si è conclusa. Fondandosi sul risultato di questa ampia consultazione pubblica, il Consiglio federale prenderà entro la fine del 2021 una decisione di principio in merito a una futura identità elettronica statale. La consultazione relativa a un progetto concreto è prevista per la seconda metà del 2022.

  • Megafono

    2 settembre 2021

    Identità elettronica statale: la consigliera federale Keller-Sutter avvia la consultazione pubblica

    Il Consiglio federale intende creare rapidamente i presupposti per un’identità digitale statale (Ie). Prima di definire gli elementi basilari vuole concedere a un ampio pubblico la possibilità di partecipare attivamente alla discussione. A tal fine il Dipartimento federale di giustizia e polizia ha elaborato un’analisi della situazione. Giovedì, 2 settembre 2021, in occasione del primo incontro del «Comitato consultivo Svizzera digitale», la consigliera federale Keller Sutter ha avviato la consultazione pubblica. Insieme al cancelliere federale Walter Thurnherr ha incontrato rappresentanti del mondo scientifico, dell’economia, della società civile e della politica per discutere la futura soluzione svizzera dell’Ie. Nell’ambito della consultazione, che durerà fino a metà ottobre, sono previsti altri eventi.